Capita a volte di essere un po’ maldestri e di urtare un vaso in terracotta che, cadendo a terra, inevitabilmente si rompe. Ma niente paura, possiamo destinarlo ad un nuovo uso. Grazie alla tecnica del decoupage che tante volte ci viene in soccorso, potremo trasformarlo in un bellissimo ed originale porta candele.

Raccogliamo innanzitutto il vaso caduto e badiamo che il fondo non sia rotto, altrimenti non potrebbe stare in piedi e contenere la candela. Quindi cominciamo il lavoro preparando la base con una passata di carta vetrata a grana fine ed una mano di primer (cementite) per uniformare la base. Una volta asciutta la cementite, applichiamo una mano di colore acrilico nella tonalità che preferiamo, scegliamo colori acrilici non tossici a base d’acqua. Lasciamo asciugare nuovamente e nel frattempo ritagliamo l’immagine che desideriamo applicare sul nostro lavoro. Se decidiamo di utilizzare decori stampati su carta di riso facciamo attenzione alla tonalità della base che dovrà essere molto chiara altrimenti trasparirà scurendo la figura.

Una volta trascorso il tempo di asciugatura del colore, applichiamo il disegno con della colla vinilica, diluita con un poco d’acqua, utilizzando un pennello piatto. Nel compiere questa operazione facciamo dei movimenti decisi con il pennello, partendo dall’interno dell’immagine e spingendo verso l’esterno. In questo modo eviteremo il ristagno di antiestetiche bolle d’aria. Quindi aspettiamo che la colla asciughi. Per completare il lavoro dovremo applicare la vernice protettiva, lucida o opaca a seconda si gusti, che, oltre a preservare il nostro nuovo porta candele dalla polvere, farà in modo che il decoro “affondi” nel vaso, dando all’immagine l’aspetto di una stampa. A questo punto il lavoro è terminato, non rimane altro che appoggiare la candela nel fondo del vaso e godere del tremolio della fiamma.

CONSIGLIO

Rispettiamo scrupolosamente i tempi di asciugatura per ottenere un lavoro ottimale.