Gli agrumi sono dei frutti che, oltre ad essere molto gustosi da mangiare per via del loro sapore un po’ dolce e un po’ aspro, apportano numerosi benefici alla salute. Uno degli agrumi più amato in assoluto, e prediletto anche dai bambini, è il mandarino .

Il mandarino è, in effetti, il più dolce di tutti gli agrumi. Nasce dalla pianta Citrus nobilis della famiglia delle Rutacee e con il suo colore vivace e il suo aroma inconfondibile rallegra i nostri lunghi inverni. Pensa che ogni pianta può dare fino a 600 frutti a stagione.

Oltre ad essere buono, il mandarino fa anche bene alla salute: è ricco di vitamina C , che rafforza il sistema immunitario e ti protegge dai malanni stagionali; contiene inoltre vitamina A e altre del gruppo B , oltre a magnesio, ferro e acido folico. Previene le infiammazioni dei tessuti e svolge anche una funzione purificante delle vie respiratorie.

Fonte. dreamlandia.com share

Insomma i buoni motivi per mangiare i mandarini sono numerosi. Quelli che acquistiamo al supermercato, però, spesso sono trattati con pesticidi e diserbanti , e quelli da coltivazione biologica costano un po’ di più. Perché non coltivare in casa una pianta di mandarino?

Sappi che è più facile di quel che credi, perché non ti serve molto spazio: solo un vaso . Ti basta quindi un piccolo angolo di balcone per avere la tua produzione annua! Vuoi sapere come? Continua a leggere!

Prendi i s emi del mandarino che hai appena mangiato e avvolgeteli in un foglio di carta assorbente bagnato. Mettilo in un luogo caldo e umido, ricordandovi di bagnarlo ogni tanto. Dopo due o tre giorni controlla: i semi dovrebbero aver germogliato. Ora puoi metterli in terra.

Fonte: YouTube

Ora prepara il vaso : sul fondo metti dei sassolini, e poi usa del terriccio universale mescolato a sabbia. Infatti il terreno deve essere molto drenante , perché il mandarino teme i ristagni di acqua. 

Ora prendi i semi germogliati e mettili a dimora : non serve che li interri in profondità, e soprattutto non premere troppo il terriccio o soffocheranno. Questa operazione va fatta preferibilmente in primavera, ma puoi tentare in qualunque momento.

Abbi cura di mettere il vaso in una zona temperata e ben riparata dal vento . Annaffia con regolarità, ma non eccedere, e concima con prodotti ricchi di sali minerali: magnesio, ferro e zinco.

Fonte. dailyhealthpost.com share

Quando spunta la piantina, spostala in un vaso più grande usando lo stesso tipo di terreno e arricchiscilo ogni tanto con del concime organico. Devi avere pazienza, come sempre accade in natura: in capo a qualche anno avrai la tua prima produzione di mandarini. E saranno buonissimi!